Club riconosciuti e tessere

Discussioni, idee e Proposte per il nuovo Statuto della Federazione

Moderatori: Stefano Tarquini, Olivier, Ken Federico, StefanoB

Avatar utente
Andrea Donati
Utente
Messaggi: 123
Iscritto il: 18/02/2011, 10:04

Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Andrea Donati » 09/05/2011, 14:06

Attualmente l'iscrizione alla FIGG di molti goisti, anche attivi, non è molto fluida edi facile accesso e secondo una mia stima solo un 50% dei giocatori italiani è anche socio FIGG. Per il bene della federazione questo deve cambiare ed il problema a mio giudizio non è il costo quanto il fastidio di dover fare il bollettino etc. il modo migliore è rendere facilmente accessibili le tessere.
Potrebbe essere una buona idea permettere ai club riconosciuti di essere delegati della federazione alla formazione di tessere FIGG dei propri membri.
Facciamo un esempio: un nuovo giocatore arriva al club di Pisa (futuro club riconosciuto ToscanaGo) e vuole fare la tessera della nostra associazione/club, se con l'iscrizione al ToscanaGo si tesserasse automaticamente anche figg? non sarebbe tutto molto più semplice? Ovviamente il malcapitato sarebbe informatissimo su privacy e tutto il resto ;) e la quota comprenderebbe entrambe le iscrizioni e il club riconosciuto comunicherà l'avvenuto tesseramento al CF e verserà la quota al tesoriere. Va da solo che per non spaventare i futuri soci la quota FIGG + la quota ToscanaGo non dovrebbe essere una cosa esagerata (10+10 per esempio).

Una delega del genere va verso la direzione federativa di cui abbiamo parlato all'assemblea, favorisce la creazione di club "seri" con statuto e controllo dei conti i quali vengono responsabilizzati molto in quanto rappresentanti FIGG sul territorio.

Andrea Donati
ToscanaGo - Pisa
<<Un club nasce dal momento esatto in cui almeno due giocatori credono che esista e muore quando ne rimane uno solo>> Guida Galattica per Goisti

Andrea Partiti
Utente
Messaggi: 179
Iscritto il: 22/10/2010, 23:51

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Andrea Partiti » 09/05/2011, 14:16

Intendi tipo come e' gia' ora?
La domanda debitamente compilata in ogni sua parte e sottoscritta con firma autografa deve essere fatta pervenire al CF mediante uno dei seguenti metodi:
* consegna manuale nelle mani di Segretario, Tesoriere, Presidente di club riconosciuto o loro delegato
Siccome e' nel regolamento, si', si puo' fare ^^
Quello che succede alla domanda di iscrizione dopo la consegna a mano e' irrilevante.
Gli sconti non li vedo probabili ne' auspicabili.

Avatar utente
Andrea Donati
Utente
Messaggi: 123
Iscritto il: 18/02/2011, 10:04

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Andrea Donati » 09/05/2011, 14:32

:lol: già, proprio quello! :oops:
Peccato che attualmente i club che possano farlo siano un po' scarsi come risorsa... la federazione dovrebbe impegnarsi nel rendere il riconoscimento un vantaggio per i club.
<<Un club nasce dal momento esatto in cui almeno due giocatori credono che esista e muore quando ne rimane uno solo>> Guida Galattica per Goisti

Tusitala
Consigliere
Messaggi: 54
Iscritto il: 23/02/2011, 10:57

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Tusitala » 09/05/2011, 19:28

Andrea Donati ha riportato l'idea in modo diverso da come l'avevamo discussa, provo a spiegarmi.
Come hanno testimoniato gli scacchisti-goisti Mauro Fiori e Emilio Bellatalla in assemblea, se la Figg riuscisse ad entrare nel Coni riceverebbe grandi vantaggi sia di tipo finanziario che nel rapporto con gli enti pubblici e si potrebbe fare diffusione con mezzi mai visti prima.
Il problema principale stranamente non è neanche il numero di soci basso, ma il fatto che la federazione non è strutturata sul territorio.
Se avessimo un certo numero (non enorme, basterebbe una decina) di associazioni locali con statuto REGISTRATO (non basta firmare un pezzo di carta come per i club riconosciuti che ci sono adesso, bisogna cacciar fuori 200-300 euro e fare un po' di burocrazia) ecco che allora potremmo diventare disciplina associata Coni nel giro di qualche anno.
Visto che i club sono piccoli, è difficile che un solo club abbia le risorse per prendersi questo disturbo, pertanto l'ideale per iniziare è una associazione regionale tipo VenetoGo.
Queste associazioni sarebbero molto utili anche senza la prospettiva Coni, perché hanno varie agevolazioni dagli enti locali (ad esempio ToscanaGo potrebbe diventare membro dell'associazione Casa della Leopolda e avere gratis o scontati i loro spazi, potrebbe ricevere sponsorizzazioni, 5 per mille etc. etc.).
Oltre a fondare queste associazioni regionali, in chiave Coni e per migliorare i bilanci Figg, sarebbe opportuno arrivare ad avere che tutti i soci dell'associazione siano anche soci Figg, e questo non succede nemmeno nella organizzatissima VenetoGo.
Per incentivare i goisti italiani a:
-fondare queste associazioni
-iscrivere tutti i soci di queste alla Figg
secondo me la federazione dovrebbe riconoscere 2 tipi di entità.

-I club riconosciuti, sono le realtà cittadine più piccole, 3 o 5 soci Figg firmano un foglio prestampato in cui accettano genericamente alcune condizioni, hanno le stesse condizioni di adesso
-Le associazioni con statuto registrato, che nel loro Regolamento devono dichiarare di aderire alla Figg, chi si iscrive a queste associazioni viene praticamente iscritto d'ufficio alla Figg e la associazione paga la quota.
Ora, secondo me è interesse della Figg fare uno sconto a queste associazioni quando iscrivono i loro soci, per incentivarne la fondazione e per far sì che non debbano chiedere quote associative troppo alte.

Scusate la lunghezza Dalzoviana!
Filippo Gorlero

Mirco
Utente
Messaggi: 520
Iscritto il: 17/02/2011, 19:16
Località: Bologna

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Mirco » 10/05/2011, 9:30

Tusitala ha scritto: Per incentivare i goisti italiani a:
-fondare queste associazioni
-iscrivere tutti i soci di queste alla Figg
secondo me la federazione dovrebbe riconoscere 2 tipi di entità.

-I club riconosciuti, sono le realtà cittadine più piccole, 3 o 5 soci Figg firmano un foglio prestampato in cui accettano genericamente alcune condizioni, hanno le stesse condizioni di adesso
-Le associazioni con statuto registrato, che nel loro Regolamento devono dichiarare di aderire alla Figg, chi si iscrive a queste associazioni viene praticamente iscritto d'ufficio alla Figg e la associazione paga la quota.
Ora, secondo me è interesse della Figg fare uno sconto a queste associazioni quando iscrivono i loro soci, per incentivarne la fondazione e per far sì che non debbano chiedere quote associative troppo alte.

Scusate la lunghezza Dalzoviana!
A volte mi sembrate degli extraterrestri. Sicuri di essere dei goisti italiani?

Davide Bertok
Utente
Messaggi: 307
Iscritto il: 17/02/2011, 21:13
Località: Trieste

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Davide Bertok » 10/05/2011, 9:48

Mirco ha scritto:
A volte mi sembrate degli extraterrestri. Sicuri di essere dei goisti italiani?
Ciao Mirco, è un peccato che tu non sia venuto a Firenze, oltre a capirci "meglio dal vivo" (la situazione è stata ben spiegata e discussa) mancava un esponente di club (a parte forse Isamu) contrario a questo tipo di processo che, secondo le tue stesse parole (ma non è proprio così) porta maggiore burocrazia ai club o comunque delega maggiori responsabilità a loro (un pò più veritiero visto che in realtà la burocrazia sarebbe veramente minima).

In ogni caso però come dice Andrea è vero che un'entrata nel CONI porterebbe vantaggi non indifferenti, soprattutto dal punto di vista economico che permetterebbero anche progetti di sviluppo e diffusione del go al di là del semplice discorso agonistico. Ora, non sto dicendo personalmente che questa debba essere per forza la nostra strada, però visti i vantaggi il discorso nell'insieme (con gli eventuali svantaggi ovvio...) dovrebbe essere valutato non pensi?

Rispondendo poi ad Andrea, devo però segnalare che il richiedere ai club di far tramite per raccogliere i tesseramenti (ma soprattutto rinnovi, per cominciare più "soft") era un discorso che era già stato cominciato l'anno scorso, durante la gestione del precedente CF.
Il problema è che i club che hanno accettato di collaborare sono stati veramente pochi (una minoranza rispetto al totale), per il resto abbian dovuto agire direttamente noi ai tornei.
Questa è una delle ragioni per cui sono scettico che nell'immediato possa funzionare una federazione di club: se non c'è interesse da parte di alcuni club di andare oltre al semplice "troviamoci all'incontro settimanale per giocare, organizziamo un torneo all'anno e quando riusciamo qualche dimostrazione di go in zona" questo è un progetto che si può scontrare con molte difficoltà.
Piuttosto che avere un "italia a due velocità" meglio secondo me un sistema misto, come poi è uscito dalla maggioranza dei votanti nella relativa votazione.
Davide Bertok

Avatar utente
Andrea Donati
Utente
Messaggi: 123
Iscritto il: 18/02/2011, 10:04

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Andrea Donati » 10/05/2011, 10:08

Allora Davide, a mio parere, l'interesse dei club si crea. Se essere club riconosciuto (con statuto registrato o meno) è solo una palla e porta solo noie è del tutto ovvio che nessuno lo faccia, Pisa è andata avanti benissimo tutti questi anni senza esserlo e senza nessuno svantaggio. Per arrivare al risultato che desideriamo bisogna prima di tutto creare l'interesse nei club a farsi riconoscere con reali vantaggi. Es se sei club riconosciuto puoi ospitare una tappa del circuito italiano di tornei per il mondiale e puoi ospitare il campionati italiano oppure se sei club riconosciuto ti faccio uno sconto sulla tessera oppure se sei club riconosciuto la federazione ti presta il materiale etc...

Questo è solo il primo passo, ovviamente, nella direzione indicata dall'assemblea; poi se io e 3 amici vogliamo creare un club dove giochiamo (magari in classe) senza preoccuparmi di nulla lo posso sempre fare e la federazione magari mi aiuterà anche.
Senza servizi ed incentivi nessun club farà lo sforzo di darsi uno statuto (con un comodo modulo magari) per essere la FIGG sul territorio.
<<Un club nasce dal momento esatto in cui almeno due giocatori credono che esista e muore quando ne rimane uno solo>> Guida Galattica per Goisti

Mirco
Utente
Messaggi: 520
Iscritto il: 17/02/2011, 19:16
Località: Bologna

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Mirco » 10/05/2011, 10:50

Davide Bertok ha scritto:

Ciao Mirco, è un peccato che tu non sia venuto a Firenze, oltre a capirci "meglio dal vivo" (la situazione è stata ben spiegata e discussa) mancava un esponente di club (a parte forse Isamu) contrario a questo tipo di processo che, secondo le tue stesse parole (ma non è proprio così) porta maggiore burocrazia ai club o comunque delega maggiori responsabilità a loro (un pò più veritiero visto che in realtà la burocrazia sarebbe veramente minima).
Purtroppo dovevo seguire l'organizzazione di un corso per principianti e un incontro con un 4 dan cinese. Sarei venuto molto volentieri. La giornata goistica iniziata alle 2 del pomeriggio è finita alle 2 di notte.

Davide Bertok
Utente
Messaggi: 307
Iscritto il: 17/02/2011, 21:13
Località: Trieste

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Davide Bertok » 10/05/2011, 11:17

Mirco ha scritto:
Purtroppo dovevo seguire l'organizzazione di un corso per principianti e un incontro con un 4 dan cinese. Sarei venuto molto volentieri. La giornata goistica iniziata alle 2 del pomeriggio è finita alle 2 di notte.
Beh in realtà c'era anche la domenica per incontrare qualcuno dal vivo...
Comunque sia, se passi a San Marino questo weekend penso che almeno Leonardo Dal Zovo (che ha seguito molto questo discorso) sia disposto a darti qualche chiarimento in più!
Davide Bertok

Tusitala
Consigliere
Messaggi: 54
Iscritto il: 23/02/2011, 10:57

Re: Club riconosciuti e tessere

Messaggio da Tusitala » 10/05/2011, 13:54

A volte mi sembrate degli extraterrestri. Sicuri di essere dei goisti italiani?
Meno arroganza, please, non mi sento un extraterrestre come non sono extraterrestri i veneti che hanno fondato una associazione regionale e se la passano molto bene.
Certo, qualcuno ha dovuto girare un po' di uffici, ma è anche grazie a questo se possono organizzare tornei così curati in luoghi eccellenti.
E' un fatto che in Toscana entro un mese avremo una associazione, non perché siamo dei matti e ci piace più la burocrazia che giocare a go, ma perché ci CONVIENE, Coni o non Coni!
Siamo sicuri che molte persone che non si iscriverebbero alla Figg perché non partecipano al campionato italiano si associeranno certamente a ToscanaGo, ne abbiamo parlato tra club toscani e ci piacerebbe creare un legame con la federazione in modo che ogni nostro tesserato sia anche socio Figg, conviene a tutti.

Se Atomo e Tortellino ritengono la creazione di una associazione in Emilia-Romagna inutile, nessuno impone niente, non cambierebbe nulla rispetto ad oggi, perciò non vedo cosa ci sia da lamentarsi.
Filippo Gorlero

Rispondi